• Seit 1999 online
  • Powered by 350 Bergsportler
  • Am Puls der Berge
App Smartphone vs GPS

OsmAnd e altre app di navigazione: la prova sul campo

9 minuti di lettura
Orux Maps, OsmAnd e Locus Free: come si comportano le app di navigazione gratuite nell'outdoor? Quali sono le migliori? A cosa dovrebbero prestare attenzione gli utenti smartphone? Siamo andati alla ricerca di indizi e consigli per voi.

Un gran numero di applicazioni per iPhone e dispositivi Android promettono agli appassionati di outdoor un aiuto per la navigazione e il tracciamento, trasformando lo smartphone in un dispositivo GPS. Quali sono le app migliori? A cosa dovrebbero prestare attenzione gli utenti? Siamo andati alla ricerca di indizi e suggerimenti per voi.
Due trekking nell’Odenwald e nel Rhön hanno mostrato limiti e possibilità.

Orux Maps, OsmAnd e Locus Free nella prova sul campo

Tracciato di un sentiero

Eh se non si trovano più i riferimenti del sentiero, che si fa?


Abbiamo testato tre prodotti che sono specificamente rivolti alla comunità outdoor: Orux Maps, OsmAnd e Locus Free. Tutti e tre sono gratuiti e disponibili sia per dispositivi Android che Apple. Le app che registrano principalmente i percorsi (ovvero le “app di tracking”) e li valutano statisticamente (lunghezza del percorso, velocità, profilo altimetrico … come Runtastic, Strava ecc.) non sono state inclusi.

Sia per Orux Maps che OsmAnd c’è un “Donationware” (un fondo donazioni) a pagamento: se hai piacere puoi sostenere finanziariamente gli sviluppatori. C’è anche una versione a pagamento di Locus Free. Tutti e tre i software possono anche gestire il tracking descritto sopra. Con Locus Free, gli utenti devono convivere con i banner pubblicitari, mentre le altre due applicazioni sono senza pubblicità.

Le basi: come funziona la navigazione all’aperto con un assistente virtuale?

Chiunque non abbia mai avuto a che fare con i sistemi GPS per applicazioni outdoor noterà rapidamente che l’orientamento con le app è diverso dai sistemi di navigazione per auto. Con i dispositivi GPS – che siano app sullo smartphone o navigatori di Garmin & Co. – si possono risolvere, tra le altre, le seguenti sfide:

  • Dove sono? Un punto lampeggiante sul display mostra la posizione corrente.
  • In quale direzione è la mia destinazione? Quanto è lontana? Una freccia – come una bussola – mostra la direzione e la distanza.
  • Sono ancora sulla mia strada? Il percorso – per esempio, un file GPX scaricato da Internet – è una linea disegnata sopra la mappa. Il punto della posizione corrente lampeggia.
  • Come si arriva a XY? OsmAnd calcola con pochi tocchi su mappa vettoriale a display, la strada più breve verso un punto.
Le mappe digitali possono essere visualizzate offline sugli smartwatch - in foto: Suunto 7

Bärbel Voigtländer

Le mappe digitali possono essere visualizzate offline sugli smartwatch – in foto: Suunto 7


Mappe digitali dalla rete

La base per l’orientamento è, naturalmente, una mappa digitale – sia una mappa online che può essere scaricata da Internet o una mappa offline memorizzata sul dispositivo.

Il progetto di rete “Open Street Map”, una sorta di Wikipedia per le mappe, ha dato origine a innumerevoli varianti di mappe gratuite che possono essere comodamente scaricate e installate sulla scheda SD dello smartphone.

Una mappa attuale per tutta l’Italia con numerosi livelli di zoom, che mostra anche i più piccoli dettagli, pesa circa 1,1 gigabites e si adatta quindi comodamente alla memoria degli smartphone. La cosa affascinante di questa soluzione: la mappa è disponibile offline, cioè senza una connessione Internet, e si aggiorna automaticamente quando l’utente cambia la sua posizione.

Nessuna connessione Internet richiesta

Suunto 9 Peak

Anna Schade

Per orientarsi non è obbligatoria una carta stampata, gli smartwatch hanno mappe precise e sono più facili da interpretare!


Né per determinare la posizione, né per ripercorrere un percorso dalla rete, è quindi necessaria una connessione Internet (anche per il ricaricamento di ulteriori elementi della mappa). La “ricezione” del GPS dal satellite allo smartphone funziona come “stazione base” come in auto senza internet. Il vantaggio è ovvio: le zone più panoramiche di solito offrono una connessione ultra-lenta o nulla. Anche all’estero, non c’è bisogno di pagare costose tasse di connessione.

Mappe vettoriali OSM

Le mappe vettoriali sono disponibili per il download gratuito su internet – grazie all’enorme esercito di appassionati di OSM – e questo rende il tutto ancora più interessante: le mappe vettoriali, a differenza delle mappe raster, permettono di trovare e visualizzare il percorso più breve per raggiungere un castello o un parcheggio, per esempio.

Nelle mappe vettoriali OSM si può zoomare con un dettaglio simile a quello di Google Maps. I dati OSM offrono però un enorme vantaggio: forniscono, almeno per buona parte del paese, quasi tutti i sentieri! Il grado esatto di corrispondenza può naturalmente essere determinato solo sul posto.

Primo test: determinazione della posizione

Tornando alla pratica: tutte e tre le app sono in grado di determinare la posizione in modo veloce e corretto. (Attenzione: anche il miglior dispositivo GPS del mondo non può trovare un satellite nel seminterrato!)

La precisione è stata a volte stupefacente – in un test, la posizione visualizzata era a meno di cinque metri dalla posizione reale, e la deviazione media era un massimo di 50 metri.

Orux Maps così come OsmAnd e Locus Free risolvono questo compito in modo soddisfacente ed eccellente. Quindi, per chi si perde per strada, le app per la determinazione della posizione sono un vero aiuto.

Conclusione intermedia: una tale app appartiene allo smartphone di ogni appassionato d’outdoor.

Uso pratico nell’Odenwald

Nel primo utilizzo con amici durante un lungo trekking nell’Odenwald, il dispositivo si è subito dimostrato superiore alla coppia di amici che aveva fatto jogging lì per anni e conosceva bene la zona. Dopo una pausa pranzo, il compito era quello di trovare la strada più breve per tornare al parcheggio.

OsmAnd ci ha aiutato molto meglio del previsto: un piccolo tocco sullo schermo dello smartphone ha segnato la destinazione. Dopo altri due comandi chiave, un percorso è stato suggerito in pochi secondi. Ma era questo il percorso più breve? Era anche corretto? Sulla strada verso il parcheggio ci sono state discussioni e il quasi scontato brontolio sull’aiutante elettronico in tasca.
Poco prima del traguardo è arrivata l’ammissione: OsmAnd aveva probabilmente ragione.

Tour del Rhön: prova di resistenza nella neve, nebbia e vento gelido

Carta e bussola

Franz Schmidt

Un dispositivo GPS permette di controllare la propria posizione molto più rapidamente che carta e bussola!!


Quindi perché non pianificare un Rhön-Tour al Wasserkuppe con il supporto di OsmAnd?
L’ambientazione era già un po’ più impegnativa: non conoscevo il Rhön. Un percorso come file GPX da Gersfeld attraverso la Rote Moor al Wasserkuppe (950 metri di altezza) con circa 22 chilometri è stato trovato rapidamente in rete e caricato in OsmAnd.

Vento gelido, nevicate permanenti, nebbia e quindi umidità nell’aria e cumuli di neve ci hanno accompagnato nel tour. Le condizioni esterne erano pietose per un normale smartphone, ma OsmAnd ha fatto di nuovo un buon lavoro.

Noi – tre appassionati di trekking – siamo partiti da Gersfeld e seguito il percorso indicato dalla rete. Così, oltre alla segnaletica e ad una mappa impermeabile, c’era sempre lo sguardo di controllo sullo smartphone. Il punto del posizionamento era ancora lampeggiante sulla linea del giro scaricato?

È stato subito chiaro che nel Rhön, a differenza dell’Odenwald, c’è ancora un notevole bisogno di una marcatura sistematica dei sentieri: percorsi poco chiari, marcature mancanti o aggiuntive non ci hanno facilitato l’orientamento. Anche la mappa escursionistica in scala 1:35.000 non era sempre d’aiuto su un terreno sconosciuto e poco familiare, poiché anche qui i colori e le forme erano mescolati e disposti in modo poco chiaro. Senza un dispositivo GPS avremmo dovuto pensare ogni 300 metri se eravamo ancora sulla strada giusta. A queste condizioni – almeno per me – il trekking non si fa divertente.

Il problema delle batterie

Dopo poco tempo, si è verificato ciò che si doveva temere: il livello di carica della batteria è sceso rapidamente. Ora era chiaro che un dispositivo GPS come il GPSMAP 66i Topoactive Europe o l’inReach SE+ di Garmin sarà uno dei miei prossimi acquisti. Finora ho sempre pianificato i tour con mappe, consigli di tour dalla rete e (a volte) un misuratore di curve. Ma le app gratuite mi hanno dato solo un assaggio di ciò che il supporto elettronico può fare per il trekking.

Dopo metà giro, il divertimento era concluso. La batteria dello smartphone ha ceduto – quindi anche una telefonata non sarebbe stata possibile. Ciò che pesa ancora di più: in futuro, non voglio esporre il mio dispositivo, che è stato acquistato per oltre 400 euro, in modo permanente a condizioni meteorologiche severe per le quali non è stato fatto.

Quindi ci sono diversi argomenti a favore dei dispositivi GPS di alta qualità:

Dispositivo GPS Falk per la bici

Falk

A volte conviene investire in un dispositivo GPS di qualità – ad esempio se si viaggia molto in bici!


  • Ammettiamolo: quando c’è vento e neve, è divertente per un vero appassionato dell’outdoor andare fuori. Ma questo è esattamente ciò per cui i normali smartphone sono completamente inadatti.
    O li hai in tasca (allora perdi il contatto GPS) o li tieni fuori (allora temi rapidamente gli effetti devastanti dell’umidità sull’elettronica sensibile di un dispositivo che costa fino a 1.000 euro).
  • Anche l’idea di portare con sé una batteria di riserva, siamo rapidamente punto e a capo.
  • Inoltre, la gestione è abbastanza ingombrante. Disfare e impacchettare costantemente non è molto divertente. I dispositivi GPS professionali hanno spesso dei moschettoni con i quali possono essere attaccati al supporto dello zaino sinistro con la testa in giù.
    In questo modo sono sempre all’esterno e le condizioni di ricezione del GPS sono ottimali. Con la mano sinistra possono essere girati comodamente verso l’alto. Completamente semplice, c’è la possibilità di controllare la posizione attuale.
  • Se siete anche dei ciclisti itineranti: non vorrete esporre il vostro smartphone, anche nel miglior supporto per il manubrio, a vibrazioni permanenti.

A proposito: abbiamo trovato la via del ritorno dalla Wasserkuppe a Gersfeld con la mappa, a volte tirando a indovinare (“sempre dritti in discesa”), a volte chiedendo alla gente del posto.

Conclusione

I tre strumenti fanno davvero un ottimo lavoro, soprattutto in termini di posizionamento. A lungo termine, tuttavia, penso che i veri dispositivi GPS, ad esempio Garmin o Takwak, saranno molto più avanti (!). Questi dispositivi sono più robusti, impermeabili e offrono un tempo di funzionamento significativamente superiore a quello degli smartphone.

Le app Navi sono – come descritto sopra – veri e propri divoratori di energia e non vorrei mai trovarmi con la batteria scarica da qualche parte nella foresta nel vero senso della parola in caso di emergenza (pronto soccorso, ricerca di autobus e treni, chiamata urgente…).

Ma tutto questo non dovrebbe sminuire le sorprendenti prestazioni delle applicazioni. Appartengono in modo complementare allo smartphone di ogni frequentatore dell’ambiente outdoor. Sono anche la prima scelta per i camminatori della domenica. Ma non siamo proprio noi, vero?

Rubriken und Themen

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Unsere Top Outdoor Kategorien


Bergzeit Magazine - Il tuo blog per gli sport di montagna e la vita all‘aperto

Benvenuti nel blog di Bergzeit! Qui troverai test dei prodotti, consigli per le tue escursioni, istruzioni per la cura dei tuoi prodotti e suggerimenti per l‘allenamento. Dalla A di Alpspitze alla Z di Zoncolan. La redazione del magazine di Bergzeit, insieme a molti autori esterni ed esperti di alpinismo, scrive articoli su tutti i temi più importanti della montagna e della vita outdoor.