• Seit 1999 online
  • Powered by 350 Bergsportler
  • Am Puls der Berge
Montagne e misteri

3 racconti di Halloween per gli amanti della montagna

4 minuti di lettura
La montagna, di tanto in tanto, può farci paura, fatica, esposizione e quel senso di isolamento che ogni tanto ci fa sentire veramente lontani dalla civiltà… un terreno ideale per far crescere storie e leggende a metà tra realtà e suggestione, ve ne presentiamo tre.

Halloween è il giorno in cui racconti horror e leggende terrificanti attirano l’attenzione di grandi e piccoli. Che siate burberi alpinisti già chiusi in casa ad affilare le picche per la stagione invernale o appassionati di montagna pronti a festeggiare con i vostri amici, ecco a voi alcune storie tra realtà e leggenda che vi terranno compagnia nel sabato più terrificante dell’anno.

Il passo del diavolo

Il gruppo di alpinisti nel passo Dyatlov
Il gruppo di alpinisti nel passo Dyatlov | Foto: Offer for hændelsen, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Iniziamo dalla storia più celebre nella cultura popolare degli ultimi tempi, la vicenda del passo Dyatlov, raccontata anche da un film del 2013, Il passo del diavolo.

La vicenda, realmente accaduta, si svolge nei monti Urali, una località decisamente remota nel centro della Russia, un gruppo di 9 sciatori parte per raggiungere una cima locale nel febbraio del 1959. Il gruppo doveva tornare a Vižaj il 12 febbraio, ma solo il 20 febbraio iniziarono le ricerche dato che ritardi, anche di qualche giorno, erano considerati abbastanza normali in una zona così remota.

Circa una settimana dopo viene ritrovata una tenda, all’apparenza squarciata dall’interno con una violenza sovraumana. A qualche centinaio di metri furono ritrovati i primi tre corpi, e più distanti, altri due, in questo caso, vestiti solo della biancheria intima e vicini a quelli che sembrano essere i resti di un fuoco. I quattro escursionisti restanti vennero ritrovati solo dopo oltre due mesi di ricerche.

Fino a qui potrebbe sembrare una tragica, ma non del tutto inusuale, spedizione finita male.

I resti della tenda nel passo Dyatlov
I resti della tenda nel passo Dyatlov | Foto: Anonymous / Soviet investigators, Public domain, via Wikimedia Commons

Alcuni dettagli però gettano un’ombra decisamente sinistra su questo avvenimento:

  • i corpi furono rinvenuti quasi tutti senza vestiti o solo parzialmente vestiti con temperature che si aggiravano attorno ai -20 gradi
  • alcuni dei cadaveri riportavano ferite che secondo un dottore locale, non potevano essere state inferte da altri esseri umani per la loro potenza
  • un altro gruppo di escursionisti riferì di aver visto delle sfere arancioni muoversi nel cielo durante la notte.

Come per tutte gli “x-files” che si rispettino i documenti furono segretati e solo parzialmente rivelati al pubblico anni dopo. Varie spiegazioni scientifiche cercarono di spiegare i differenti aspetti di questa vicenda, senza però chiarire tutti i dubbi.

Lo spettro di Brocken

Non si contano le storie e i racconti che includono la presenza di “fantasmi” o “ombre grigie” in montagna.

Se da un lato di sicuro le fatiche compiute per salire le montagne possono portare ad allucinazioni dovute alla stanchezza e alla sete, c’è da considerare anche un effetto secondario che può produrre “fantasmi” molto realistici, lo spettro, o arco, di Brocken. Si tratta di un fenomeno osservabile in montagne circondate da nuvole o nebbia, su cui viene proiettata un’ombra che appare contornato da un grande cerchio luminoso.

lo spettro di Brocken
Lo spettro di Brocken sulla punta Korzhenevskaya | Foto: Dmitry N. Zhukov, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Il paranormale però in questo caso non c’entra, si tratta infatti di un effetto provocato solo da particolari condizioni di sole e nebbia.

Gigiat

Il gigiat
Rappresentazione del Gigiàt su un’abitazione a San Martino, in provincia di Sondrio. | Foto: www.saliinvetta.com, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Passiamo ora a qualcosa di un po’ meno inquietante, anche se decisamente più vicino a casa.

Siamo in Val Masino, una meta amata da arrampicatori, trail runner, escursionisti e in generale da chi ama stare all’aperto e godere dei suoi incredibili panorami. In questa valle, leggende secolari, ci parlano di un animale mostruoso, dalle sembianze poco rassicuranti, a metà strada tra una grossa capra e un daino, ma con un folto pelo.

Come “abitante” della Val Masino, è abituato a scalare con disinvoltura le grandi pareti di questa zona e non disdegna qualche escursione sul Pizzo Badile. Fa un po’ da guardiano della valle, aiutando alpinisti in difficoltà ed escursionisti sperduti, ma al contempo è anche pronto a far sparire chi non rispetta il suo habitat.

Parliamo del Gigiat, creatura fantastica che anima racconti, fiabe e leggende di questa valle, ma, della cui esistenza esistono ben poche prove.

Rubriken und Themen

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Unsere Top Outdoor Kategorien


Bergzeit Magazine - Il tuo blog per gli sport di montagna e la vita all‘aperto

Benvenuti nel blog di Bergzeit! Qui troverai test dei prodotti, consigli per le tue escursioni, istruzioni per la cura dei tuoi prodotti e suggerimenti per l‘allenamento. Dalla A di Alpspitze alla Z di Zoncolan. La redazione del magazine di Bergzeit, insieme a molti autori esterni ed esperti di alpinismo, scrive articoli su tutti i temi più importanti della montagna e della vita outdoor.