• Seit 1999 online
  • Powered by 350 Bergsportler
  • Am Puls der Berge
Le FAQ sulle corde da arrampicata

Corde da arrampicata: tutto quello che vorresti sapere

7 minuti di lettura
Come faccio a sapere quando sostituire la mia corda da arrampicata con una nuova? Posso lavare la mia corda da arrampicata e come posso riporla sullo zaino correttamente? Queste e altre domande troveranno risposta in questo articolo.

Cosa sono la calza e l’anima?

Le corde da arrampicata sono costituite da anima e calza che si dividono ingegnosamente il lavoro: un’anima intrecciata di cosiddetti trefoli fornisce la resistenza alla trazione. Intorno a questo nucleo viene tessuta una calza per proteggerla dai tagli e dalla sporcizia. La calza ha un’elasticità che le permette di muoversi per una lunghezza massima di 20 millimetri. Il produttore di corde Beal ha ora migliorato questa distribuzione dei ruoli e ha intrecciato l’anima e la calza insieme usando il processo Unicore – che elimina lo spostamento della calza.

Cos’è il fattore di caduta?

In una caduta standard, la resistenza delle corde da arrampicata viene testata in strutture di prova. Nel peggiore dei casi, una caduta sulla corda viene simulata come in un incidente di montagna. Ciò significa che in una caduta standard, un pezzo di corda deve sopportare un peso di 80 chilogrammi da un’altezza di 4,80 metri in un pezzo di corda della stessa lunghezza per cinque volte. Tuttavia, deve allungarsi in modo tale che la forza d’impatto (= la forza che agisce sul punto di assicurazione dell’arrampicatore) non superi i dodici kilonewton (kN).

In Europa possono essere vendute solo le corde da arrampicata che soddisfano gli standard dell’Union Internationale des Associations d’Alpinisme (UIAA 101) e dell’Unione Europea (CE EN 892).

un climber vola con la corda
Il compito più importante di una corda da arrampicata: assicurare al meglio ogni tipo di caduta. | Foto: Scarpa/Patrick Franza

Quante cadute può sopportare una corda da arrampicata?

Secondo gli standard dell’Union Internationale des Associations d’Alpinisme (UIAA 101) e dell’Unione Europea (CE EN 892), le mezze corde e le corde singole devono resistere ad almeno cinque cadute standard. Le corde gemelle invece almeno 12.

Le cadute che avvengono in arrampicata sportiva non si avvicinano quasi mai a questo carico, poiché le forze sono distribuite e quindi ridotte da vari fattori (lunghezza della corda, fissaggio intermedio, punto di deflessione e fissaggio dinamico).

Cosa significano corda singola, mezze corde e corde gemelle?

Corda singola

La corda singola, come suggerisce il nome, è utilizzata da sola ed è la più facile da maneggiare. Il suo diametro in questi anni si è assestato tra i 8,5 e i 10,5 millimetri.

Mezze corde

Le mezze corde sono utilizzate (così come le corde gemelle) insieme. Ciò significa che l’arrampicatore in testa alla cordata è assicurato da due corde da arrampicata più sottili e che, so lo vuole, può spaiarle nelle protezioni per una maggiore sicurezza e un minor attrito. Sono un po’ più complicate da maneggiare e, insieme, sono anche più pesanti delle corde singole. Ma hanno chiari vantaggi per l’arrampicata trad, l’arrampicata alpina con diverse lunghezze di corda e l’arrampicata su ghiaccio

Corde gemelle

Gli arrampicatori esperti usano spesso le corde gemelle. Sono ancora più sottili e più leggere delle mezze corde e devono essere sempre inserite insieme nei dispositivi di assicurazione. Non si può scalare in cordate da tre con queste corde. Tuttavia, le corde gemelle hanno il vantaggio di una migliore maneggevolezza e un peso inferiore, e vengo utilizzate soprattutto nell’alpinismo, nel misto e nell’arrampicata su ghiaccio.

Tutte le informazioni sui campi di applicazione dei diversi tipi di corda si trovano nei nostri consigli per l’acquisto di corde da arrampicata.

Qual è la differenza tra le corde statiche e le corde dinamiche?

In arrampicata vengono utilizzate solamente corde dinamiche. Questo perché l’allungamento delle fibre di poliammide permette alla corda da arrampicata di assorbire maggiore energia cinetica durante la caduta. Questo effetto ammortizzante è familiare a chiunque si sia bloccato a un rinvio per riposarsi dopo il passo duro e poi si ritrova improvvisamente di nuovo sotto il passaggio che ha già salito. Si tratta del cosiddetto allungamento statico, che non deve superare l’8-10%. Secondo la norma, l’allungamento dinamico (noto anche come allungamento della forza d’urto) deve essere inferiore al 40% in caso di caduta.

Le corde statiche vengono utilizzate ovunque sia richiesto il minor allungamento possibile della corda, ad esempio nelle corde fisse o nel canyoning o nel soccorso alpino e in grotta. Non dovreste mai usare queste corde per arrampicare.

Quale dispositivo di assicurazione è quello giusto?

Con tutte le corde da arrampicata è essenziale assicurarsi che il diametro della corda sia compatibile con il proprio dispositivo di assicurazione prima di acquistarlo e utilizzarlo. Ciò è particolarmente importante per i bloccanti semiautomatici, perché altrimenti il meccanismo di bloccaggio potrebbe non funzionare.

C’è una versione dell’ormai diffuso Click Up, fatta per l’arrampicata alpina (solo per corde da 7,7 a 9 millimetri), l’Alpine Up Kit. Edelrid ha sviluppato il dispositivo di assicurazione Micro Jul per le sue corde gemelle extra sottili Flycatcher (per le corde da arrampicata Edelrid da 6,9 a 8,5 millimetri).

assicuratore e corda da arrampicata
Importante: il dispositivo di assicurazione deve essere compatibile con la vostra corda d’arrampicata. Pertanto controllate sempre prima dell’acquisto. | Foto: Bergzeit

Quanto dura una corda da arrampicata?

Se la corda da arrampicata non viene mai utilizzata e conservata in modo ottimale, ha una durata massima di 10-12 anni. Tuttavia, di solito questo non accade mai, in quanto la corda da arrampicata è stata acquistata per essere utilizzata. I produttori fanno quindi dipendere la durata della corda da arrampicata anche dall’intensità di utilizzo della corda.

Frequenza d'utilizzo Vita massima
Occasionalmente 10 anni
1-2 volte l'anno 7 anni
una volta al mese5 anni
più volte al mese 3 anni
su base settimanale 1 anno
quasi ogni giorno  meno di un anno

L’usura dipende anche da fattori quali il tipo di arrampicata (indoor vs. outdoor; toprope vs. lead), il numero di cadute grandi e piccole e la cura della corda.

Se la calza è consumata o bruciacchiata da alcune cadute, se l’anima e la calza si spostano notevolmente, o non appena l’anima è visibile, è necessario sostituire immediatamente la corda.  Questo vale anche se la corda da arrampicata è stata a contatto con acidi o solventi!

Come si fa su correttamente una corda da arrampicata?

È molto pratico, ad esempio, prendete la corda da arrampicata e formate una bambolina per il trasporto. Potete cosi attaccare la corda al vostro zaino da arrampicata in modo compatto e sicuro senza dovervi preoccupare che la corda si disfi durante il cammino.

Nelle palestre di arrampicata o in falesia, una borsa o uno zaino porta-corda è un investimento pratico: in questo modo basta filare la corda sul telone, metterla nel telone – e il gioco è fatto.

dei climber mettono a posto la corda da arrampicata
Se fatta su correttamente, è possibile portare la corda d’arrampicata come fosse uno zaino. | Foto: Bergzeit

Come si sbroglia la corda da arrampicata?

Ogni arrampicatore li ha già affrontati: sono i fastidiosissimi nodi o ingarbugli della corda che impediscono un’assicurazione fluida e bloccano la corda nel dispositivo di sicurezza. Prima di iniziare ad arrampicare bisogna sempre controllare la corda e se la si vede parecchio ingarbugliata la si deve sbrogliare prima di attaccare la parete.

Quando ci troviamo in situazioni simili ci sono due modi per sbrogliare la corda:

  1. il più semplice: fate passare tutta la corda da un capo all’altro, sbrogliate il nodo e poi ripiegate la corda appendendola da qualche parte.
  2. oppure: legate un capo della corda ad un albero e fissate all’altro capo un cordino (lungo circa 1 metro). Ora fate passare tutta la corda sul cordino: i nodi si trasfeririscono cosi dalla corda da arrampicata al cordino e voilà la vostra corda da arrampicata è libera.

Come posso conservare correttamente la mia corda da arrampicata?

I punti seguenti sono particolarmente importanti per la corretta conservazione delle corde da arrampicata:

  1. Una corda da arrampicata deve essere conservata al buio, in luogo fresco e asciutto. In questo modo la corda non invecchia in fretta. Quindi, se avete una cantina con queste condizioni climatiche, è il posto giusto dove riporla
  2. Se utilizzate sacchi porta corda, quando riponete la corda da arrampicata posizionate il sacco aperto sul pavimento o su uno scaffale; l’umidità residua deve in ogni caso essere in grado di fuoriuscire.
Due ragazze riordinano la corda da arrampicata con cura
Una buona cura della corda ne allunga la vita e aumenta la vostra sicurezza quando arrampicate| Foto: Bergzeit

Quando e come devo tagliare una corda da arrampicata?

Se la vostra corda da arrampicata è rovinata da una o da entrambe le estremità o è comunque consumata, potete allungarne la vita accorciandola un po’. Potete farlo a casa oppure potete andare al negozio di arrampicata locale e farvi accorciare la vostra corda.

Come posso riciclare o smaltire le vecchie corde da arrampicata?

Se la vostra corda ha raggiunto la fine della sua vita utile e non è più possibile salvarla accorciandola, è il momento di smaltirla o di riciclarla. In quest’ultimo caso, avete la possibilità di restituire la corda a speciali stazioni di riciclaggio allestite da Newseed. Newseed ricicla le vecchie corde da arrampicata dal 2016, riportandole in vita.

Le Stazioni di riciclaggio sono sparse in tutta Italia e si trovano soprattutto nelle palestre di arrampicata.

Avete altre domande? Allora sentitevi liberi di inviarle al campo commenti qui sotto!

Qui potete trovare tutte le corde da arrampicata dell’assortimento Bergzeit:

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Unsere Top Outdoor Kategorien


Bergzeit Magazine - Il tuo blog per gli sport di montagna e la vita all‘aperto

Benvenuti nel blog di Bergzeit! Qui troverai test dei prodotti, consigli per le tue escursioni, istruzioni per la cura dei tuoi prodotti e suggerimenti per l‘allenamento. Dalla A di Alpspitze alla Z di Zoncolan. La redazione del magazine di Bergzeit, insieme a molti autori esterni ed esperti di alpinismo, scrive articoli su tutti i temi più importanti della montagna e della vita outdoor.